Alla “d’Annunzio” crescono i numeri della mobilità internazionale studentesca

5 Giugno 2020

L’emergenza COVID-19 ha richiesto misure forti come l’isolamento e il distanziamento sociale volte a proteggere l’individuo e la comunità tutta. L’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, come tutti gli altri Atenei, si è adeguata alle misure imposte dall’emergenza COVID-19 ma la distanza fisica non ha mai inteso allontanare né isolare le menti, gli studi, gli studiosi e gli studenti. Nonostante le grandi difficoltà sopraggiunte l’Ateneo si è fortemente impegnato a portare avanti i suoi obiettivi di apertura internazionale e di mobilità umana ed intellettuale, anche per dare un segnale concreto di spinta ottimistica e fattiva verso la ripresa e la riapertura.

Ulteriori informazioni nel comunicato stampa allegato.